Altri due nidi di tartaruga sulla spiaggia di Guardavalle

E sono quattro! Con i due nidi di tartaruga marina scoperti tra ieri e oggi, sale a quattro il numero dei siti di deposizione della Caretta caretta rinvenuti sulla costa ionica calabrese dagli attivisti della neonata Organizzazione WWF “Vibo- Vallata dello Stilaro” diretta dall’Avv. Angelo Calzone.

Dopo il primo nido individuato nei giorni scorsi a Guardavalle (CZ) , il secondo di Riace (RC) e gli ultimi due, sempre a Guardavalle, diventano sempre più fruttuose ed entusiasmanti  le ricerche degli oltre trenta giovani che, organizzati ottimamente dalla biologa Jasmine De Marco, ogni giorno, di buon mattino, percorrono a piedi chilometri e chilometri sulla riva del mare alla ricerca delle caratteristiche  tracce lasciate nottetempo dalle femmine di Tartaruga prima e dopo la deposizione di decine e decine di uova, grandi come palline da ping pong, seppellite a qualche decimetro sotto la sabbia.  Trattandosi di una specie particolarmente protetta da norme statali e internazionali, le operazioni di controllo del nido possono essere svolte esclusivamente da personale appositamente autorizzato dal Ministero dell’Ambiente secondo procedure collaudate.

Nelle zone maggiormente frequentate dai bagnanti o, come purtroppo accade ancora troppo spesso, da fuoristrada, trattori o mezzi cingolati, il nido è stato recintato dagli attivisti del Panda al fine di evitare lo schiacciamento delle uova, fornendo  contemporaneamente ai frequentatori e ai gestori dei lidi tutte le informazioni sulla necessità e sull’importanza di prendersi cura del nido fino alla data della schiusa delle uova. La notizia della deposizione ha già suscitato enorme interesse tra i residenti e i bagnanti, in particolare tra i più piccoli, che sognano già di poter assistere a quell’evento straordinario rappresentato dalla fuoriuscita dalla sabbia di decine e decine di piccole tartarughe che, mosse da un istinto primordiale, si dirigeranno zampettando freneticamente verso il mare. Un evento che si verificherà solo dopo un’incubazione che durerà in media circa due mesi.

Il monitoraggio dei volontari WWF è servito però anche per constatare tristemente il diffuso utilizzo di mezzi meccanici per spianare interi tratti di litorale sabbioso, una prassi questa che rischia di compromettere in maniera irreparabile la riproduzione di chissà quante altre tartarughe che scelgono quelle spiagge per nidificare: da qui l’appello accorato che il WWF rivolge ancora una volta  affinché ci si astenga dall’uso di tali mezzi, ricordando che un nido di tartaruga ha sempre  rappresentato un “valore aggiunto”, un elemento di forte richiamo e di interesse per bagnanti e turisti, con innegabili ricadute economiche e di immagine sui lidi vicini, che dalla tutela di quella  buca nella sabbia  e del prezioso contenuto di future “carettine”, avranno tutto da guadagnare e niente da perdere.  

Nel frattempo  la ricerca non si ferma qui…  

O.A. WWF VIBO-VALLATA DELLO STILARO

Commenti
Loading...
X