Centro storico e tutela ambientale. L’esecutivo detta le linee in aula

Valorizzazione del centro storico, sviluppo del territorio, tutela dell’ambiente, agricoltura, turismo e cultura e poi ancora politiche sociali e scolastiche e per l’integrazione. Questi i cardini delle linee programmatiche esposte in consiglio comunale dal sindaco Pino Ussia, dopo l’introduzione del presidente del consiglio Francesco Menniti che ha dato il benvenuto alla nuova segretaria comunale Giuseppina Ferrucci. Fra gli obiettivi elencati in materia di tutela ambientale si segnalano l’adeguamento e la costruzione di centri di conferimento e isole ecologiche sia a Guardavalle centro che nella frazione montana di Elce della Vecchia, l’attivazione del sistema di raccolta domiciliare porta a porta sempre nella frazione montana, la realizzazione di un impianto di compostaggio per l’autosufficienza della gestione e trattamento della frazione organica prodotta e la sua trasformazione in fertilizzante naturale. L’amministrazione ha, inoltre, presentato richiesta di finanziamento per l’autogestione del compostaggio e cassoni specifici per i villaggi turistici e per la frazione montana. Fari puntati anche sul centro storico. «Si intravede una nuova voglia di cultura — ha detto Ussia – nonché di riscoperta dei nostri piccoli centri. Qualcosa ha cominciato a muoversi anche a Guardavalle: il centro storico inizia, grazie alle iniziative private di ospitalità diffusa, ad essere scoperto dal turismo internazionale». Su quanto esposto dal primo cittadino si è registrato il giudizio “tranchant” del capogruppo di “Civiltà politica” Antonio Tedesco che ha bollato come «generiche» le linee programmatiche elaborate dall’amministrazione comunale. «Posto che la relazione si presenta al primo consiglio d’insediamento e non dopo tre mesi — ha detto Tedesco — quello che si nota è la sua assoluta genericità, in quanto carente di una visione culturale, il non avere alcuna attinenza alla realtà locale nelle sue varie espressioni, poiché sembra frutto di un “copia e incolla”, con frasi fatte. Come opposizione—ha poi annunciato — proporremo delle iniziative su interventi specifici di cui necessita il nostro comune». Non più benevole sono state le considerazioni espresse dal consigliere Antonio Purri che ha rimproverato alla maggioranza una mancanza di coinvolgimento del gruppo di minoranza nelle scelte che riguardano la comunità e l’assenza di una strategia politica nelle linee programmatiche per far uscire dall’isolamento il comune di Guardavalle. Alle affermazioni dell’opposizione ha reagito il vicesindaco Peppe Caristo. «Per noi la campagna elettorale è finita — ha detto — evidentemente non è così per l’opposizione. Le linee programmatiche sono state frutto di un lavoro di squadra che ha visto ognuno dei consiglieri dare il suo contributo».

Fonte: Gazzetta del Sud – Letizia Varano

Commenti
Loading...
X