Conferimento dei rifiuti. Approvato il piano per rientrare dal debito

Negli anni 2017-2018, il comune di Guardavalle (CZ) ha maturato un debito con la regione Calabria per il mancato pagamento della tariffa conferimento rifiuti il debito accumulato, che bisognerà restituire alla Regione è di 249.979,51 euro inclusi i dovuti interessi (quota d’interesse pari a 2.301,60). Dell’intero importo, 68.560,16 euro è la cifra relativa all’armo 2017 e 178.834,60 euro è quella per il 2018. Il piano di rientro, trasmesso dalla regione Calabria, è stato approvato il 14 maggio 2020 dalla Giunta Comunale e firmato del sindaco Giuseppe Ussia e dal segretario comunale Giuseppina Ferrucci. Il comune di Guardavalle, in data 19 marzo 2020, aveva inoltrato alla Regione Calabria, Dipartimento 11 Ambiente e Territorio Settore 7 Rifiuti, la richiesta di rateizzazione del debito. L’ istanza è stata accolta dalla stessa Regione che ha proposto ed esposto il seguente piano di rientro. Il debito dovrà essere pagato in sessanta quote mensili di 3.754 euro ciascuna. Il piano di rientro prevede il versamento di una prima rata di acconto del valore di 24.739,47, pari al 10% dell’intero debito. La rata di acconto ha avuto scadenza il 30 aprile 2020. Il Comune di Guardavalle dovrà rispettare gli impegni cominciando a versare il resto del denaro, dovuto alla Regione Calabria, a decorrere dal 31 maggio 2020. L’intero importo (per l’anno 2017 e 2018) dovrà essere estinto entro e non oltre il 30 aprile del 2025. Il mancato pagamento di due rate, anche se non consecutive, compresa la rata di acconto, comporterà il decadimento immediato dell’agevolazione di pagamento. In tal caso il comune di Guardavalle dovrà versare l’intera cifra dovuta non più tardi di trenta giorni.

Fonte: Il Quotidiano del Sud

Commenti
Loading...
X