Dopo le minacce di morte pioggia di solidarietà a Ussia

Ondata di solidarietà nei confronti del sindaco Pino Ussia, vittima delle pesanti minacce di morte apparse a Elce della Vecchia, frazione montana del Comune di Guardavalle. La frase inquietante “Ussia infame, uomo morto” con accanto il disegno di una croce era stata impressa con lo spray nero su un muro di contenimento, lungo la strada provinciale 143, per poi essere rimossa, non appena è stata scoperta. Immediata da parte del sindaco la denuncia ai carabinieri della Stazione di Guardavalle che hanno avviato le indagini sul gravissimo episodio, avvenuto a distanza di poche settimane dalla rimozione della statua di Sant’Agazio, donata dai Gallace e posizionata dal 2007 davanti al municipio della cittadina ionica. Il caso, che aveva alimentato aspre polemiche, si era concluso con un consiglio comunale nel quale fu deciso di rimuovere l’effigie del santo patrono. Dopo l’intimidazione, oltre alla vicinanza espressa dal circolo Pd di Guardavalle, al sindaco è giunta anche quella del responsabile organizzativo Pd Calabria Giovanni Puccio. «Il Partito democratico esprime la propria solidarietà al sindaco Giuseppe Ussia oggetto, nelle scorse ore, di pesanti minacce. L’episodio – ha dichiarato il dirigentesi inserisce in un clima di tensione che da alcune settimane interessa la comunità tutta e aumenta le preoccupazioni circa la libera determinazione e azione, nell’interesse collettivo, delle istituzioni democratiche. L’inequivocabile minaccia di morte rivolta al sindaco Ussia, apparsa in maniera volutamente eclatante su un muro del centro ionico, ferisce e preoccupa la laboriosa collettività di Guardavalle che nulla ha da spartire con quanti fanno della tracotanza l’espressione più evidente del potere criminale. Il Pd ribadendo la vicinanza al sindaco e ai cittadini di Guardavalle – ha aggiunto Puccio – interesserà i suoi rappresentanti istituzionali affinché venga garantita la massima attenzione al territorio e vengano prese le necessarie iniziative per restituire tranquillità all’intera comunità». Solidarietà al collega anche da parte del sindaco di Soverato Ernesto Alecci. «Sono certo che i suoi concittadini – ha detto – staranno al fianco del proprio sindaco, dimostrando che Guardavalle, come tutta la Calabria, è composta da persone oneste e perbene.A Pino dico di non lasciarsi intimorire – ha aggiunto – e di andare avanti con convinzione nel difficile ruolo di amministratore che permette a persone come lui di poter lavorare per il bene della propria comunità».

Fonte: Gazzetta del Sud – Letizia Varano

Commenti
Loading...
X