Comunicato stampa – Comune di Guardavalle 8 marzo 2020 L'IMPEGNO DI ESSERE DONNA nella storia di ieri e di oggi a Guardavalle

Interessante convegno organizzato dall’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Giuseppe Ussia, Domenica 8 marzo, nella sala consiliare dalle ore 17.00, in occasione della festa delle Donne.

L’Obiettivo dell’iniziativa è aprire un confronto sui temi al femminile evidenziando benefici e contributi dati alla società. Il Convegno, si dividerà in due momenti tematici che riguarderanno la donna di ieri e di oggi, nella storia di Guardavalle.

Si inizierà con “Donna Paola Panzera, una vita per la vita“. Un’attestato di riconoscenza ad una figura storicamente importante per l ruolo svolto nella comunità locale. Racconti, testimonianze e supporti video si susseguiranno, in un ampio spazio di vita vissuta dalla levatrice comunale, in servizio a Guardavalle dal 1930 al 1977.

Un viaggio tra le paure di partorire in casa, al tempo della mammana (o mammina) tra superstizioni e tradizioni popolari. La Levatrice aveva l’importante compito di mediare con le “comari”, per togliere i pregiudizi pericolosi, tollerare quelli non nocivi e mettere dentro moderni concetti di igiene e profilassi delle malattie infettive. Era mandata dal comune, come comare “abilitata”.

Relatrice d’eccezione sarà la Dott.ssa Maria Caterina Aiello, architetto, docente di storia dell’arte presso L’IPSIA di Siderno. Già Presidente della Fidapa Roccella, Vicepresidente Sidus Club Siderno e Presidente dell’Associazione Italiana di Cultura Classica delegazione Locri. Impegnata da anni nella progettazione e organizzazione di importanti eventi culturali, nella locride e non solo.

La dott.ssa Aiello, nipote di Donna Paola, sarà la testimone diretta di storie reali, raccontando, tra l’altro, aneddoti e momenti di confidenze familiari.

Si proseguirà con “Malìa lab, fare impresa con impegno e passione”. Flavia Amato, stilista e modellista di Guardavalle, ci farà entrare nel mondo dell’imprenditoria femminile. La giovane stilista, racconterà come il suo sogno di creare e innovare in una terra complessa come la Calabria, sia diventato realtà. Nel 2016 Flavia, dopo la formazione nella Marche, torna nel suo paese e insieme a Paride (suo compagno), danno vita ad un laboratorio tessile, ristrutturando un vecchio locale di famiglia al centro di Guardavalle Marina. Ed è in questi 50 metri quadrati che si producono e si realizzano le collezioni del Malìa lab, una Startup che si divide in Atelier ed e-commerce di moda biologica artigianale. Il sogno di Flavia Amato, si può riassumere in amore: per la moda, per la natura e per il proprio paese.

Dopo il consueto saluto istituzionale, del Presidente del Consiglio Francesco Menniti, i lavori del convegno saranno affidati alla giovanissima guardavallese Gloria Ussia, che modererà gli interventi, le domande e le testimonianze del pubblico presente.

A conclusione, Concerto Jazz con il trio: Nilde Paonessa (Voce); Francesco Scaramuzzino (Piano) e Pino Delfino (Contrabbasso).

Il presidente del Consiglio

Francesco Menniti

Commenti
Loading...
X