Il lupo muta il pelo ma conserva il vizio

Non è nostra intenzione disturbare il maestoso animale, diffamandolo con la storica espressione figurata, la nostra vuole essere una chiara illustrazione della metafora nel dare prova come sia tanto complicato rimuovere le mastodontiche e sgraziate manie, evidenziandone le difficoltà nel riuscire a sconfiggere le stesse e i vizi di cui ogni persona può essere vittima.

Il lupo in questione ha le sembianze di un umano fatta persona che, con il passare degli anni, come le persone comuni cambiano in tutto (invecchiano), ma certe abitudini (in genere le cattive) non le cambieranno mai. “Lupus pilum mutat, non mentem”.

Il Vizio (o è Mania?): vestire i panni del Marchese del Grillo, recitando la parte che fu del grande Alberto Sordi, elevandosi all’ennesima potenza, gloriandosi a super uomo, magnificandosi come unico detentore di Cultura: politica, letteraria, urbanistica, amministrativa, patrimoniale, finanziaria, musicale, teatrale (un Maestro), architettonica, agricola, culinaria ed enologica. Un tuttologo dotto.

Le sue migliori performance avvengono nella sala istituzionale del consiglio comunale, “teatro” preposto alle discussioni dei temi amministrativi. Regolamentato da: interventi, esposizioni, controesposizioni, proposte, controproposte. Disciplinato da tempi egualitari per tutti; linguaggio consono e rispettoso nei confronti del Sindaco (Ufficiale di Governo), dei colleghi consiglieri, del Segretario e del pubblico, stampa compresa.

Il tuttologo? il tuttologo non tiene conto di tutto ciò. Lo statuto del consiglio è per lui uno strumento obsoleto, arcaico, antiquato. Da vero attore protagonista, come un divo hollywoodiano, non rispettando il copione, mira a prendersi tutta la scena. Recita il solito logorroico, incomprensibile e inconcludente monologo, incredibilmente, senza leggere le pagine dei temi all’ordine del giorno, un vero MAGO dell’improvvisazione.

Nell’ultimo consiglio comunale, di Lunedì 18 Novembre u.s. , il Dotto tuttologo, si è superato con una prestazione da Oscar. Per la fortuna e la felicità dei presenti ha decantato, con variante personale, il famoso sonetto del Belli – la battuta distintiva del su citato Marchese “io sò io e voi non siete una…cippa!” sostituendola da divino con: “io sò io e voi siete dei CRETINI” da standing ovation!

Le Manie: ne basta una per tutte, falsificare la realtà, in piena coscienza, “Virtù” che lo accompagna da almeno 5 lustri. (o è un vizio?).

A proposito, (per chi è lontano dalla politica locale), il Tuttologo è anche il capogruppo della minoranza in consiglio comunale. Leader incontrastato di Civiltà Politica, amici da sempre, avversari da mai. Fatta eccezione a piccole scaramucce susseguitesi ininterrottamente nei precedenti 40 anni (denunce, minacce, offese, oggetti volanti contundenti, ecc.), quisquiglie. E’ bello quando si sotterra l’ascia e si ritorna ad amarsi. “Magnus lupus imperat, subiecti parent!”

Guardavalle, 04.12. 2019

Gruppo di Maggioranza TRASPARENZA e PARTECIPAZIONE

Commenti
Loading...
X