Minoranza, dimissioni in blocco

I quattro consiglieri di opposizione hanno ufficializzato la loro decisione

BADOLATO – La notizia delle dimissioni in blocco dei quattro consiglieri di minoranza della lista civica “Badolato Rinasce” – Carla Ceccotti, Domenico Scuteri, Nicola Criniti e Antonio Parretta – si è diffusa in un baleno, tra le forze politiche e tra i cittadini. La decisione è stata ufficializzata ieri mattina presso l’ufficio protocollo dell’ente. Sicuramente, si tratta di un terremoto politico, considerando che la minoranza da oltre due anni nei consigli comunali e con comunicati, aveva chiesto le dimissioni della maggioranza “Nuovi Orizzonti”, guidata dal sindaco Gerardo Mannello. Da indiscrezioni, il gesto della minoranza sicuramente va letto dalle valutazioni negativa di una coalizione incapace politicamente e amministrativamente di dare risposte alla popolazione. La minoranza da sempre aveva evidenziato anche le gravi responsabilità di una maggioranza responsabile di aver provocato il dissesto finanziario. C’è da dire, che nell’ultimo consiglio comunale il capogruppo Domenico Scuteri, nel criticare la maggioranza per non aver convocato un consiglio comunale aperto, che era stato concordato unitariamente, puntualizzava anche, che vista la gravissima situazione finanziaria, c’èra il rischio di un secondo dissesto. Dissesto, che avrebbe messo definitivamente in ginocchi l’ente e la comunità badolatese. Da qui le sollecitazioni di convocare con urgenza un consiglio comunale aperto da tenersi nella delegazione di Badolato Marina, per discutere sulla situazione finanziaria, e sui rapporti tra ente e l’Unione dei Comuni di Isca. Invece a sorpresa sono arrivate le loro dimissioni. Per conoscere i veri motivi, molto probabilmente si terrà una conferenza stampa o un’assemblea pubblica sabato 9 febbraio presso la delegazione comunale di Badolato Marina. Intanto dalla maggioranza nessun commento sulle dimissioni.

Fonte: Il Quotidiano del Sud – Franco Laganà

Commenti
Loading...
X