Oltre 700 spettatori per La Traviata nel borgo

Oltre 700 spettatori per la Traviata di Giuseppe Verdi, in scena nel teatro naturale del borgo di Guardavalle, nell’ambito della seconda edizione di “Borgo in Opera”, iniziativa dell’amministrazione comunale, con la direzione di Francesco Menniti. L’opera lirica, divisa in tre atti, ha tenuto con il fiato sospeso il numeroso e ordinato pubblico fino alla fine. L’allestimento inedito è stata una produzione tutta originale dell’amministrazione comunale guardavallese in sinergia con l’orchestra e il coro del teatro comunale di Reggio Calabria e la Milano Show Rent. La messa in scena ha tenuto conto del momento storico particolare e anche la struttura scenografica è stata composta da molti vuoti e materiali grezzi come il ferro tubolare montato in strutture geometriche, sotto l’impeccabile regia di Sofia Lavinia Amisich. Complice del grande successo riscosso sono state la forza e l’intensità di Massimiliano Tisano, direttore musicale, che ha curato ogni dinamica e ogni accento con grande cura. Molto apprezzati tutti i cantanti in scena, perfettamente a loro agio nelle parti interpretate, sia a livello vocale che scenico-teatrale. Preciso e padrone del ruolo Romolo Tisano nei panni del romantico Alfredo, delicata e femminile la Violetta di Eleonora Pisano che ha reso perfettamente l’ambivalenza dell’anima della protagonista di una delle opere liriche più amate di sempre. L’evento ha dato visibilità al patrimonio storico-culturale della cittadina e di buona parte del comprensorio, portando gli ospiti, i melomani e non, di ogni dove, a visitare ed apprezzare i luoghi, secondo una formula indovinata che unisce l’arte alla promozione del territorio.

Fonte: Gazzetta del Sud – Letizia Varano

Commenti
Loading...
X