Tragedia sfiorata sul ponte Gallipari

Statale 106 chiusa per ore: traffico in tilt e code di chilometri. Un camion urta con il carico una trave che si schianta sul mezzo e poi sulla strada

Sulla Statale jonica 106, sul Ponte Gallipari nel territorio di Badolato, è stata sfiorata una tragedia stradale per la caduta di una trave dello stesso ponte. Verso le ore 14 di ieri un camion che trasportava grossi tubi, nell’attraversare il ponte, ha urtato violentemente con il carico contro la trave che veniva completamente spezzata e cadeva sul cofano, rompendo i vetri della cabina e finendo sulla carreggiata. Sembra che l’autista, che non ha subito danni, non aveva calcolato bene l’altezza del carico che superava l’arcata del ponte. Il traffico è stato bloccato per ore nelle due direzioni con notevoli disagi per gli automobilisti che, non avendo altre vie di sbocco, hanno formato chilometri di coda in direzione di Badolato e Isca. Sul posto si portavano i carabinieri della stazione Badolato, al comando del maresciallo Massaro, i vigili del fuoco del distaccamento di Soverato, operai e tecnici dell’Anas per valutare la situazione. Sul posto anche il sindaco di Badolato Gerado Mannello, e il comandante dei vigili urbani. Alcuni automobilisti hanno tentato di attraversare il fiume sotto il ponte ma rimanevano bloccati. Successivamente, ad alcuni abitanti della zona veniva hanno indicato una via alternativa che consentiva l’attraversamento del fiume. Intanto si aspettava l’arrivo di un ingegnere dell’Anas, che doveva verificare la stabilità del ponte. Soltanto una volta verificata la tenuta della struttura, intorno alle 18, l’Anas ha riaperto il ponte al traffico, istituendo il senso unico alternato eil limite di velocità a 30 km/h. Ancora una volta, dunque, la Statale 106 evidenzia tutta la sua pericolosità tra l’indifferenza delle autorità preposte alla sua messa in sicurezza. Una situazione, questa, che vienedenunciata da oltre 50 anni. In particolare, sul tratto Soverato – Guardavalle (per il quale Anas ha annunciato da tempo degli interventi di messa in sicurezza), in questi anni ci sono stati oltre 40 morti e centinaia di incidenti stradali. Di chi le responsabilità?

Fonte: Il Quotidiano del Sud – Franco Laganà

Commenti
Loading...
X